Classificazione emorroidi

Piccolo Atalante Clinico di patologia emorroidaria e dei sintomi ad essa correlati

Riportiamo, a titolo esemplificativo, alcune immagini relative alle principali manifestazioni cliniche delle emorroidi nei vari gradi di sviluppo.

Questo al fine di agevolare il paziente nel riconoscimento di alcune situazioni cliniche ed indurlo eventualmente a consultare il medico. Nella maggior parte dei casi il trattamento delle emorroidi è molto agevole, privo di rischi e può risolvere definitivamente i disturbi che spesso sono molto fastidiosi, oltre che imbarazzanti per il paziente

 

 

 Emorroidi di I° grado

 le emorroidi non sono prolassate, un gavocciolo  emorroidario appare congesto con iniziale  tromboflebite .

 Questa è una situazione clinica molto frequente.  Una volta risolto il fatto acuto la situazione  emorroidaria ritorna  sostanzialmente nella norma ed  il paziente puù manifestare lunghi intervalli di  completa sintomaticità. In casi come questo  la sola  terapia medica è in grado di risolvere  completamente la sintomatologia

 

 Emorroidi di II° grado

 

 Il lieve prolasso della mucosa è visibile solo durante  la defecazione o la manovra di ponzamento che  abitualmente il medico  richiede durante la visita

 Nel caso specifico il Paziente presenta anche due r  ragadi anali, molto fastidiose e sanguinanti durante  l’espulsione delle  feci .

 

 Emorroidi di III° grado

 

 Il prolasso della mucosa è visibile e maggiore  rispetto alla foto precedente, le emorroidi sono  congeste e dolenti. E’ una  situazione che si rileva  frequentemente durante gli ultimi mesi di gravidanza  o durante una crisi emorroidaria.

 Il prolasso in questo caso è parzialmente riducibile  ma si esteriorizza ad ogni defecazione

 

 Emorroidi di IV° grado

 

 Il prolasso della mucosa è irriducibile, cioè la  mucosa del canale anale non rientra e permane  stabilmente all’esterno. I  gavoccioli emorroidali  sono dilatati e congesti, vi è intensa flogosi della  mucosa che causa dolore e frequente  sanguinamento anche spontaneo dovuto  all’erosione della mucosa